Il lato oscuro del sole

Il lato oscuro del sole

AUTORE: Paolo Ferri

PAGINE: 264

CODICE PRODOTTO: 883934

EDIZIONE: LATERZA

PREZZO EDITORE: 20.00 €

PREZZO OFFERTA: 12.80 €



Così abbiamo esplorato l'astro che detta il ritmo della nostra vita

Storie, aneddoti e avventure dalle missioni dell¿Agenzia Spaziale Europea, raccontati con passione dal fisico che li ha seguiti dalla ¿sala controllo¿.

Siamo talmente abituati a vedere sorgere e tramontare il Sole che tendiamo a darlo per ¿scontato¿. Eppure, lo sappiamo bene, senza il Sole non solo non ci sarebbe vita sulla Terra, ma con tutta probabilità la Terra nemmeno esisterebbe. Proprio la difficoltà di riprodurre in laboratorio analoghe condizioni di temperatura e pressione fa del Sole un ¿mondo¿ misterioso e ancora poco conosciuto. Dopo oltre trent¿anni passati a seguire alcune delle più importanti imprese scientifiche, Paolo Ferri racconta la sua esperienza e la storia dell¿esplorazione solare: dalle prime missioni, come Ulysses, Soho e Cluster, fino a quelle più recenti, come BepiColombo, ancora in viaggio verso Mercurio, e Solar Orbiter. Un libro che racconta i successi, le difficoltà e le sfide tecnologiche affrontati dagli scienziati che cercano di svelare i misteri della nostra stella. Paolo Ferri, fisico teorico, ha lavorato per oltre 37 anni al centro di controllo dell¿Agenzia spaziale europea a Darmstadt, in Germania. Nella sua carriera ha vissuto direttamente gran parte della storia dell¿esplorazione spaziale europea. È stato responsabile delle operazioni di volo di numerose missioni scientifiche. Il suo progetto più lungo e ambizioso è stata la missione Rosetta, la prima e unica missione della storia ad atterrare sul nucleo di una cometa, un¿avventura di vent¿anni che ha descritto nel suo primo libro Il cacciatore di comete (2020). ¿Il Sole non è solo la fonte di tutta l¿energia che permette la vita sulla Terra, ma è anche un laboratorio cosmico di fisica nucleare, dove le condizioni estreme di pressione e temperatura avviano processi difficilmente riproducibili anche nei nostri laboratori con gli acceleratori di particelle più potenti. Osservare questi processi ci può aiutare a comprendere meglio la natura della materia nelle sue componenti fondamentali."